Sanità, Razza annuncia riapertura termini del concorso infermieri

Ad oggi le domande presentate per i due bacini dell’Isola sono state circa 10 mila mentre per la mobilità sono tra 1.700 e 2 mila

 Importanti novità in tema di assunzioni nella sanità.  Sarà riaperto il concorso per reclutare nuovi infermieri in Sicilia, così  da consentire la partecipazione anche dei neo laureati in Scienze infermieristiche. E’ quanto annunciato dall’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

L’esponente del governo Musumeci è intervenuto a Scicli nel corso della riunione del coordinamento regionale del sindacato Nursind Sicilia; all’incontro erano presenti il coordinatore regionale Claudio Trovato, del vice Salvo Calamia, dei dirigenti sindacali dei territori siciliani e del vicesegretario nazionale, Salvo Vaccaro.

L’assessore Razza nel corso del confronto col sindacato ha rassicurato sulla volontà di intervenire per far fronte alla carenza di personale sanitario e per accelerare i tempi alle acquisizioni di personale con la mobilità ed i concorsi. Sul concorso per infermieri ha affermato che le domande presentate per i due bacini dell’Isola sono state circa 10 mila mentre per la mobilità sono tra 1.700 e 2 mila. A riguardo l’assessore ha dato mandato per concedere un’estensione dei termini solo per la parte concorsuale dell’avvisi, per consentire la partecipazione anche agli studenti neo laureati che rischiavano di rimanere fuori. Razza ha inoltre annunciato interventi sui criteri di accreditamento delle strutture territoriali e private in cui opera un gran numero di personale infermieristico e ha anticipato che è allo studio la possibilità di inserire il professionista infermiere all’interno di tali servizi, infermiere di famiglia e ospedali di comunità, temi molto cari al Nursind da parecchi anni.

Nel corso dell’incontro sindacale si è dibattuto sui vari temi, sulla fattibilità degli atti aziendali e sulla rimodulazione delle piante organiche in vista delle mobilità e dei concorsi pubblici, e sul programma di formazione da attuare nei confronti dei quadri sindacali e iscritti al sindacato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.